• LA DIPENDENZA che ci mantiene bambini

    La Dipendenza è così forte, pervasiva e totalizzante, che, magari senza accorgersene, si scade in automatismi inconsapevoli, derivanti dal bisogno di “appartenenza”, che non fanno che imprigionare inconsapevolmente gli individui, portandoli ad uno stato di passività. Il Conformismo è un esempio sotto gli occhi di tutti di come ci si possa costringere a comportarsi secondo

  • DEMOCRAZIA & CULTURA

    Si continua ad inseguire il cambiamento attraverso la perenne rielaborazione di leggi elettorali con l’obiettivo di riuscire ad avere una maggioranza di Governo coesa e stabile. Come se la legge elettorale producesse la magia… Nell’eventuale impossibilità di raggiungere un tale obiettivo si inizia a paventare la dittatura che, per sue caratteristiche, si crede assicurerebbe il

  • BASTONE & CAROTA

    Salvini, e siamo nel 2018, propone la multa per chi acquista in spiaggia da extracomunitari… Il perseguimento del Cambiamento con l’arretratezza!!! Se si intende influenzare il comportamento sociale si usa ancora e sempre il patriarcale mezzo del bastone minacciato (mai la carota promessa) considerando i cittadini come ‘animali’ piuttosto che persone per usare strumenti umani

  • NON SO DI SAPERE

    In questo secolo che cade nell’era dell’Acquario, caratterizzata dall’umanitarismo ed altro che afferisce l’umano[1], sembra che il socratico “so di non sapere” che ha avviato il progresso del sapere, ceda il posto al “non so di sapere” perché, con riferimento all’umano, non è più in gioco il progresso del sapere, ma l’ignoranza di sé. Com-prendo

  • BOMBARDAMENTI

    Sono nato durante la seconda Guerra mondiale e mi è rimasto nel sentire di quando, da bambino, scendevamo nel rifugio a seguito di un bombardamento preliminarmente segnalato dalle sirene. Mentre soggiornavo nel rifugio percepivo un clima di collaborazione, solidarietà, amorevolezza, che mi mancava quando ero in casa con i miei genitori. Ora, da adulto, posso

  • LA MALEDIZIONE DEL GIUDICE INTERIORE

    Ho già pubblicato questo Post, con lo stesso titolo, in cui trascrivevo una Poesia, riportata da J. Bucay (“Lascia che ti racconti”) che si è ispirato a Leo Both, in cui trovavo ben espresso e poeticamente, il dramma della lotta che conduciamo per liberarci dall’oppressione del Giudice interiore e della responsabilità che ci fa carico

  • FOLLIA

    Ho trovato nella letteratura psicologica persone che avevano paura di divenire folli e non mi toccava. Un po’ di tempo fa, invece, l’ho sentita questa paura, come se mi sentissi sull’orlo della follia  latente sotto la punta dell’iceberg (connessa alla ferita del non amore che tutti abbiamo e di cui ho scritto nell’articolo «Le onnipresenti

  • QUALE VERITÀ???

    Leggo di filosofi, teologi, psicologi alla ricerca della “verità” e così pure ci sono frasi correnti come ad esempio “la verità rende liberi” e persone che affermano di essere nella loro “verità”. Non ultimo Papa Francesco l’11/9/17 ha twittato “la carità aiuta a comprendere la verità e la verità esige gesti di carità” e Jung

  • I NOSTRI MOLOCH

    Insomma i nostri due Moloch (che domandano o richiedono un sacrificio assai costoso) sono costituiti da: dipendenza, pervasiva e totalizzante (per imprinting infantile; inconscio collettivo; Specie; ‘prescrizioni’ del Giudice interiore) da cui è estremamente difficile uscire, affrancarsi, in una ricerca di libertà e autonomia che ci faccia essere padroni della nostra Vita, completi in noi

  • IL CARATTERE DI UN POPOLO dal WATER-CLOSET

    Gli storiografi si affaccendano dietro le vicende umane, quando oggetti di uso generalizzato possono molto più sinteticamente rappresentare il carattere di un popolo. Prendo ad esempio il water-closet e, in primis quello tedesco. Ora, va per la maggiore che i tedeschi sono un popolo con ottime capacità di precisione, analisi, rigore, accuratezza e se contempliamo